Il viaggio di Sunday

Noi ragazzi di 3f abbiamo partecipato al progetto Homo Migrans e abbiamo avuto la possibilità di conoscere la storia di Sunday.

Di solito viaggiamo per piacere, ma ci fermiamo poco spesso a pensare a chi invece questa esperienza la vive in maniera negativa. Homo migrans ci ha aiutato ad aprire gli occhi su questo aspetto del viaggio. Grazie a questo progetto abbiamo potuto conoscere un uomo nigeriano, che ci ha raccontato del suo viaggio per arrivare in Italia. Sunday abitava a Edo State, in Niger. E’ dovuto andare via, lasciando moglie e figli a causa di alcuni gruppi terroristici che gli davano ”fastidio”. Sunday è partito da Edo State ed è arrivato ad Agades in pullman. Qui ha comprato acqua, un velo per coprirsi dalla sabbia e un bastone per evitare di cadere dal pickup quando incontrava delle dune. Sunday era partito da Agades ed è arrivato a Tripoli. Ci ha  illustrato le difficoltà di un viaggio in pickup nel deserto: il caldo torrido che provoca svenimenti, il continuo pericolo di cadere e di essere abbandonati. Sunday, nonostante ciò, è riuscito ad arrivare sano e salvo in Libia, dove però è stato imprigionato per pregiudizi razziali.

Lì ha conosciuto un amico che lo ha aiutato a fuggire, è riuscito ad imbarcarsi  e ad arrivare in Italia. La durata del viaggio è stata di due settimane. Sbarcato a Palermo, in Sicilia, è stato mandato all’Hotspot* di Trapani. Dopo aver imparato la lingua a Marsala e dopo aver avuto alcuni lavori si è recato a Pavia, dove si trova ora.

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...