“I ragazzi che si amano”

 

 

La poesia “I ragazzi che si amano” è stata scritta da Jacques Prévert, un poeta francese del ‘900 nella cui opera sviluppa i temi dell’amore, della guerra e della solidarietà.

Il titolo di questi versi compare come anafora all’interno della poesia, poiché parla proprio di ciò che i giovani innamorati provano, di come si comportano, di come agiscono e di come vivono il loro primo amore, splendente e radioso. Nella poesia ad avere il sopravvento sono le azioni degli innamorati più che i loro sentimenti. Secondo l’autore i ragazzi che si amano sono altrove, dove gli sguardi della gente per strada e tutto ciò che hanno intorno svanisce e restano solo loro e la persona amata, intoccabili e irraggiungibili. I passanti li invidiano e li scherniscono, perché non vivono più quelle emozioni, il fuoco del primo amore, l’estraniarsi dal mondo circostante e dal buio della notte, dal bagliore del giorno.

In pochi versi Prévert riesce a rappresentare a parole, almeno in parte, ciò che i ragazzi che si amano provano “nell’abbagliante splendore del loro primo amore”.

Io non so se sia effettivamente così, ma questa poesia fa capire quanto amare ed essere amati possa essere bello e importante, non solo a livello romantico. Raramente il nostro primo amore è anche l’amore della nostra vita perché l’amore che si prova da ragazzi è una fiamma che divampa all’improvviso e che spesso si estingue molto in fretta… Quando finisce, il nostro cuore viene spezzato, ma un cuore spezzato è meglio di un cuore che non è mai stato amato.

 

Alessia F., III H

Rating: 4.0/5. From 6 votes.
Please wait...